Un tè con Jessica: il crimine in salotto

La casa di Jessica è uno scrigno di ricordi e memorie. E’ l’essenza stessa della padrona di casa e ne rivela vizi e virtù.

Qualche tempo fa ne abbiamo descritto la storia e siamo entrati nella sua cucina per carpire qualche dettaglio in più su arredi e suppellettili.

Un altro ambiente che spesso vediamo nelle puntate ambientate a Cabot Cove è senza dubbio il salotto, in cui spesso Jessica intrattiene gli ospiti.

Si vedono entrare e dalla porta d’entrata si dirigono direttamente in salotto, come naturale prolungamento  dell’ingresso.

L’ingresso quindi è il primo locale della villetta, seguito dal salotto, dalla sala da pranzo e infine dalla cucina, in un susseguirsi di ambienti aperti e ospitali.

Il salotto è un vero e proprio scrigno di tesori in cui Jessica ha riposto i ricordi di una vita.

Lo si vede bene da questa prospettiva in cui si capisce quanta cura e attenzione ripone nella disposizione degli arredi.

Il salotto visto dall’ingresso verso la sala da pranzo

Di tutti gli arredi presenti nella stanza, alcuni spiccano per originalità e personalità e denotano inequivocabilmente l’appartenenza al personaggio e alla serie.

Sono cioè quelli che fanno dire al primo colpo: siamo a Cabot Cove!

Tra questi senza dubbio la bergère in legno, velluto azzurro e paglia di Vienna su cui è seduta Jessica nell’immagine sopra.

Si tratta di una poltroncina da lettura che spesso vede Jessica intenta a riposarsi, a bere il tè o chiaccherare con qualche ospite.

Di questi tempi non è esattamente semplice trovare un arredo del genere, se non in qualche negozio di antiquariato.

Eppure l’essenza di questa poltroncina la si potrebbe ritrovare in qualche bel pezzo più attuale, tra cui la sedia Agave di Flexform, la Sullivan di Homeplaneur fino alla più easy Poang bluette di Ikea

Assieme alla bergère trovano spazio un divano a barca classico in tessuto bianco e azzurro, che nel corso della serie è stato rinnovato un paio di volte, e una wing chair in cuoio marrone con imbottitura capitonnè, un classico senza tempo.

Da notare sul tavolino il libro Yours Truly, Damian Sinclair”, uno dei romanzi che Jessica ha scritto ispirandosi proprio alla figura del suo amico Dennis Stanton.

Un tè con Dennis Stanton

Il divano lo possiamo ritrovare nelle forme di modelli attuali come l’Enrica di RS Valeo by Soft Art mentre la poltrona nel modello 1919 di Frau

Stili diversi ma tutti perfettamente in tono

Tra le suppellettili troviamo quadri e ritratti di famiglia appesi un po’ ovunque ma sempre con cura e attenzione.

Inoltre  un bellissimo caminetto decorato, tavoli e tavolini, lampade, cuscini e l’onnipresente servizio da tè bianco e blu.

Molti di questi arredi ancora oggi possono essere fonte d’ispirazione per un personalissimo Fletcher-style